Programma PO I FEAD, nuovo magazzino della Caritas Diocesana di Patti presso la Chiesa San Francesco d’Assisi di Sant’Agata Militello

Nella foto il Vescovo Gugliemo, padre Gaetano Franchina, padre Basilio Scalisi, il segretario della caritas Andrea Sturniolo ed i volontari Gabriele Miceli, Giuseppe Sturniolo e Fiore Cecere. 

La Caritas Diocesana di Patti da oltre 10 anni, aderisce al Programma Europeo per la fornitura di prodotti alimentari e/o assistenza materiale di base alle persone in condizioni di povertà (PO I FEAD), programma gestito in Italia da AGEA (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) ente statale strumentale al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed in Europa dalla Commissione Europea. La Caritas Diocesana, in quanto Organismo Partner Capofila (OpC) coordina le attività di stoccaggio e distribuzione dei prodotti alle diverse Parrocchie affiliate (Organismi Partner Territoriali) che a loro volta, attraverso il prezioso lavoro dei parroci e dei numerosi volontari distribuiscono gli aiuti alimentari e offrono misure di accompagnamento sociale alle persone in condizioni di indigenza.

Lo scorso 28 settembre sono ufficialmente partiti, presso la Chiesa San Francesco d’Assisi di Sant’Agata di Militello, i lavori di realizzazione di un magazzino diocesano per lo stoccaggio e la distribuzione di generi alimentari destinati alle famiglie più bisognose. I lavori si sono resi necessari a causa della crisi sanitaria e sociale legata alla diffusione del virus Covid-19 che ha aggravato enormemente le già esistenti situazioni di povertà aumentando, in poco tempo, le richieste di aiuto. L’intervento progettuale è stato possibile grazie al contributo di Caritas Italiana (Fondo Cei 8xmille Italia 2020) e alla compartecipazione della Diocesi di Patti.

Il precedente magazzino, ubicato nel comune di Patti, risultava avere, infatti, una limitata capienza di stoccaggio ed inoltre, risultava essere eccessivamente distante da alcune Parrocchie della Diocesi. La Chiesa San Francesco d’Assisi di Sant’Agata di Militello, trovandosi esattamente al centro dell’intero territorio diocesano, risulterà facilmente raggiungibile dai volontari delle diverse  Parrocchie che verranno a prelevare periodicamente le merci da distribuire.

don Gaetano Franchina

     “Colgo l’occasione per ringraziare il mio amato parroco don Gaetano Franchina deceduto lo scorso 31 dicembre 2020 e che ha servito con amore per quasi 30 anni la sua Parrocchia. Come ha ricordato il Vescovo Guglielmo durante la messa esequiale, – dichiara il Segretario della Caritas Diocesana Andrea Sturniolopadre Franchina ha sempre dimostrato una grande e generosa disponibilità nei confronti dei più poveri che in questo tempo di pandemia sono cresciuti in modo esponenziale. Quando gli è stato chiesto di mettere a disposizione alcuni locali della Chiesa San Francesco d’Assisi per la realizzazione di un magazzino più ampio e di tanti altri servizi della Caritas Diocesana di Patti, che prenderanno il via nel 2021, ha accettato immediatamente. Quest’anno la Caritas Diocesana di Patti compie 40 anni dalla sua costituzione e tra i soci fondatori figurava proprio padre Gaetano come responsabile alle micro-realizzazioni diocesane”.

     Lo scorso 18 gennaio, si sono chiusi i termini per la presentazione delle domande di affiliazioni e per il 2021 saranno 35 le strutture affiliate alla Caritas Diocesana di Patti distribuite in 29 Comuni della Diocesi. Grazie all’attività degli operatori della Caritas Diocesana, alla disponibilità dei parroci e dei tanti volontari è stato possibile aiutare mensilmente, secondo i dati raccolti limitatamente al Programma PO I FEAD e relativi all’anno 2020, 750 famiglie per un totale di 2.879 soggetti. I prodotti AGEA distribuiti durante il 2020 ammontano, invece, ad un totale di circa 130.000 chili.

CARITAS DIOCESANA DI PATTI, campagna di raccolta fondi emergenza Coronavirus

È partita la campagna di raccolta fondi “#sosteniAMOci” promossa dalla Caritas Diocesana di Patti.

Sua Eccellenza mons. Guglielmo Giombanco: “Carissimi amici a tutti rivolgo un cordiale saluto. Stiamo vivendo un momento di dura prova a causa dell’emergenza Coronavirus. Molti nostri fratelli e sorelle sono provati da varie sofferenze; sofferenze fisiche ma anche morali. Ma vi sono anche altre sofferenze che generano smarrimento, senso di vuoto, di impotenza, di precarietà della vita. Soprattutto nelle persone più povere e sole, persone che sperimentano fortemente il senso della solitudine. La Caritas Diocesana con tutti i suoi mezzi, con le persone, con il volontariato e quanti a vario titolo sono impegnati e si stanno prodigando per venire in contro alle necessità di questi nostri fratelli. La Chiesa, la comunità dei fedeli è un’unica famiglia e tutti dobbiamo sentirci un’unica comunità che si accorge dei bisogni degli altri. Per questo motivo vi invito a compiere gesti di solidarietà, gesti capaci di esprimere un atto di amore, di attenzione nei confronti di questi nostri fratelli, provati dalla sofferenza perché manca loro il necessario per vivere. E a tal proposito, la Caritas Diocesana ha istituito una raccolta fondi attraverso una piattaforma online. Tutti possiamo aderire. Tutti possiamo dare il nostro contributo, piccolo o grande che sia ma è sempre segno di un gesto di amore e di solidarietà che indebolisce sempre più ogni espressione di indifferenza, di egoismo e di chiusura. Pertanto, vi invito a percepire questo bisogno di solidarietà perché la speranza si affermi sempre più. Oggi vi è un forte deficit di speranza perché vi è una grande crisi di solidarietà. In un momento come questo la solidarietà diventa incoraggiamento gli uni nei confronti degli altri. Perciò vi invito a compiere gesti di donazione attraverso questa piattaforma online e anche attraverso donazioni liberali presso la Caritas Diocesana inviando le offerte tramite il codice Iban. Già la Caritas è attiva attraverso centri di ascolto, aiuti che vengono elargiti attraverso le comunità parrocchiali riguardo ai generi di prima necessità. È importante intensificare quest’opera di solidarietà e di sostegno reciproco perché insieme e uniti possiamo superare questo momento e le varie prove che esso comporta. Grazie a tutti per la vostra generosità e per il vostro impegno nella testimonianza della carità”.

LOCANDINA raccolta fondi

L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus rischia di trasformarsi in emergenza sociale, aggravando le già esistenti situazioni di povertà.

Numerosi sono i Volontari della Caritas Diocesana di Patti che, giorno dopo giorno, distribuiscono aiuti alimentari e forniscono misure di accompagnamento. Pur con tutte le cautele del caso, non possono venir meno i servizi essenziali a favore dei poveri che le Caritas a livello diocesano e parrocchiale assicura quotidianamente.

Il virus non ha fermato, quindi, i volontari nell’aiutare i bisognosi e tu, con una semplice donazione, puoi dare un piccolo contributo. I fondi ricavati da questa iniziativa serviranno a dare sostengo alle tantissime famiglie in difficoltà economica attraverso l’acquisto di generi alimentari e di prodotti di prima necessità.

È possibile donare sulla piattaforma “GoFundMe” attraverso questo link (https://www.gofundme.com/f/caritas-diocesana-patti-raccolta-fondi-coronavirus?utm_source=customer&utm_medium=copy_link&utm_campaign=p_cf+share-flow-1 o cercando sulla stessa piattaforma “Caritas Diocesana Patti, raccolta fondi Coronavirus) o tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate

IBAN: IT98E0200882380000300112241

Intestato a: Caritas Diocesana di Patti

Causale: Emergenza Coronavirus

INFO www.caritasdioceanapatti.comcaritas.diocesipatti@gmail.com

Convegno a Sinagra dal titolo “Cambiamento climatico: analisi e prospettive per un adattamento consapevole”

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Giorno 18 ottobre 2019, presso il Palazzo Salleo nel centro storico di Sinagra (ME), si tenuta una conferenza, prevista nel più ampio cartellone di incontri per la Settimana del Pianeta Terra, dal titolo “Cambiamento climatico: analisi e prospettive per un adattamento consapevole”.

La conferenza è iniziata con i saluti del Sindaco di Sinagra dott. Antonio Musca, e i successivi saluti del dott. Giuseppe Collura – Presidente dell’Ordine dei Geologi di Sicilia, del dott. Stefano Salvo – Presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Messina, del dott. Calogero Foti – Direttore Generale del Dipartimento di Protezione Civile Regionale, del dott. Salvatore Granata – di Legambiente Nebrodi, della dott.ssa Vincenza Mola – Presidente Associazione Turista Pro Loco Sinagra, dell’Avv. Francesco Musca – per l’Associazione BeddaSinagra, della dott.ssa Angela Fogliani – per l’Associazione Sikanie e di Padre Antonio Mancuso – Direttore della Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Patti.

Ai saluti sono seguite le relazioni:
– “Dissesto idrogeologico e cambiamenti climatici: alcune riflessioni” del Geologo Giuseppe Basile;
– “Sicilia: emergenza siccità e desertificazione” del Prof. Vincenzo Piccione;
– “Adeguamenti nell’ambito della progettazione delle aree a verde in relazione ai cambiamenti climatici” della dott. Agr. Roberta Andaloro;
– “Cambiamenti climatici: il messaggio di Papa Francesco nell’Enciclica Laudato Si’” di Padre Sergio Siracusano, Direttore regionale della Pastorale Sociale e del Lavoro;
– “Rapporto UNICEF: Vulnerabilità dei bambini ai cambiamenti climatici e agli impatti delle catastrofi naturali in Asia Orientale e nel Pacifico” della Prof.ssa Carmela Pace.
A moderare l’incontro il Geologo Michele Orifici, Vicepresidente Nazionale SIGEA.

Questo slideshow richiede JavaScript.