Formazione Regionale Progetto Policoro a Giardini Naxos

Nei giorni 24-25-26 giugno 2022, presso l’Hotel Sabbie d’Oro di Giardini Naxos, si è svolta una Formazione Regionale Progetto Policoro che ha coinvolto gli Animatori di Comunità di tutta la Sicilia.

Nella prima giornata di formazione (24 giugno), sono intervenute le dott.sse Daniela Totaro e Maria Lorena Totaro sul tema “Creazione d’impresa e aspetti finanziari”.

La seconda giornata formativa (25 giugno), ha visto gli interventi del dott. Giuseppe Tomasello e del dott. Michele Sturniolo, il primo sul tema “Criticità e fattori di successo dell’impresa” e il secondo sul tema “Essere imprenditore”.

A presiedere l’ultima giornata formativa (26 giugno) è stato Salvo Pennisi, Vicedirettore Ufficio Regionale PSL e delegato delle Pastorali per il Progetto Policoro, sul tema “Tavoli territoriali provinciali come strumenti di rete”.

42° Convegno nazionale delle Caritas diocesane “Camminare insieme sulla via degli ultimi” (Rho – 20/23 giugno)

La delegazione della Diocesi di Patti insieme al Direttore Nazionale don Marco Pagniello

PRIMO GIORNO – 20 GIUGNO

Giorno 20 giugno 2022, alle ore 16, presso il Centro Congressi Stella Polare di Rho (Milano), si aperto il 42° Convegno nazionale delle Caritas diocesane che ha visto la partecipazione di oltre 547 delegati, provenienti da 165 diocesi: 36 diaconi, 11 consacrati, 79 presbiteri, 15 religiosi, 7 vescovi e 399 laici, di cui 125 con meno di 35 anni. A questi si aggiungono un centinaio tra operatori di Caritas Italiana e di Caritas Ambrosiana. Per la Caritas Diocesana di Patti erano presenti: il direttore don Leonardo Maimone, il seminarista Tommaso Amantea e gli operatori caritas Andrea Sturniolo e Gabriele Miceli.

I lavori si sono aperti con uno sketch ironico dell’attore Germano Lanzoni su Milano, i milanesi e la Caritas. A seguire i saluti dell’arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini, delle autorità civili, del neopresidente della Conferenza episcopale italiana, il card. Matteo Maria Zuppi, di Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli, arcivescovo di Gorizia e presidente di Caritas Italiana e di Mons. Valentino Bulgarelli, sottosegretario della Conferenza Episcopale Italiana.

In serata si sono svolti alcuni incontri tematici su: giovani, con l’esperienza delle Young Caritas; comunicazione, su “comunicare carità e territori”, con la partecipazione dello scrittore Eraldo Affinati e la sua testimonianza sull’esperienza delle scuole Penny Wirton e politiche migratorie, con la presentazione di un quaderno che evidenzia l’assenza di politiche integrate relative alle migrazioni nel PNRR.

SECONDO GIORNO – 21 GIUGNO

Con una riflessione teologica la pastora battista Lidia Maggi ha aperto il secondo giorno di lavori del convegno. A seguire c’è stata la relazione teologico-pastorale sulle tre vie: degli ultimi, del Vangelo, della creatività, a cura di Mons. Pierangelo Sequeri, teologo e musicologo, coadiuvato dall’Orchestra Sinfonica Esagramma, un ensemble speciale, che vede suonare fianco a fianco giovani e adulti con e senza disabilità.  

La mattinata è proseguita con i tavoli di confronto sul percorso delle Diocesi / Delegazioni sulle tre vie.

Alle 17.30 si è svolta la celebrazione eucaristica in Duomo, presieduta da Mons. Mario Delpini, arcivescovo di Milano.

TERZO GIORNO22 GIUGNO

La terza mattinata, dopo la preghiera e la lectio guidata sempre dalla pastora Lidia Maggi e la testimonianza di suor Simona Cherici della Fraternità della Visitazione di Piandiscò (Arezzo), si sono svolte quattro assemblee tematiche: “Chiesa-Caritas in risposta al grido dei poveri e della terra” con padre Michel Abboud, presidente di Caritas Libano; “Chiesa-Caritas in equilibrio tra emergenza, quotidianità e futuro nella sfida della sostenibilità” con Chiara Giaccardi, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; “Chiesa-Caritas alle prese con la sfida di un’economia giusta” con Leonardo Becchetti, docente di Economia politica, Università Tor Vergata, Roma; “Chiesa-Caritas nella dimensione locale ma dentro la sfida globale: quale territorio e in quale relazione” con Elena Granata, docente di Urbanistica, Politecnico di Milano.

A seguire i tavoli di confronto per l’individuazione di spunti e piste per la Caritas del futuro, che sono proseguiti anche nel pomeriggio.

Alle 17.30 si è svolta la presentazione dell’audiolibro “Eccomi” della Collana PhonoStorie curata da Caritas Italiana e Rete Europea Risorse Umane, dedicato alla beata suor Maria Laura Mainetti, della Congregazione delle Figlie della Croce uccisa nel 2000.

Alle 21.00 “Note di Pace: voci e suoni dall’Ucraina” con interventi di padre Vyacheslav Grynevych, segretario generale di Caritas-Spes Ucraina, Tetiana Stawnichy, presidente di Caritas Ucraina, Mira Milavec, Caritas-Spes Ucraina, Amina Krvavac, direttrice esecutiva del Wcm (War Childhood Museum), il museo dell’infanzia di guerra di Sarajevo, Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, don Stefano Stimamiglio, direttore di Famiglia Cristiana. E con la partecipazione della violinista russa Ksenia Milas e del violinista ucraino Oleksandr Semchuk.

QUARTO GIORNO – 23 GIUGNO

L’ultima mattinata si è aperta con la lectio guidata dalla pastora Lidia Maggi e la testimonianza di Vincenzo Linarello, presidente del consorzio GOEL, una comunità di persone, imprese e cooperative che operano per il riscatto della Calabria attraverso l’impresa sociale come principale motore di cambiamento.

A seguire la tavola rotonda coordinata dal giornalista Luca Cereda, che ha visto la partecipazione di 4 giovani che hanno parlato delle loro esperienze e di come hanno vissuto queste giornate di Convegno: Aldo Lazzari, referente Young Caritas di Bergamo, Andrea Campisi, che ha finito il Servizio Civile presso la Caritas diocesana di Siracusa, Maria Chiara Barzacca, membro dell’equipe di Caritas diocesana di Spoleto-Norcia e referente per i giovani, Noemi Calgaro, che ha terminato l’esperienza come casco bianco in Guatemala.

Padre Giacomo Costa, presidente della Fondazione Culturale San Fedele e consultore della Segreteria generale del Sinodo dei vescovi, ha interagito col direttore don Pagniello raccogliendo le suggestioni emerse dal confronto nei gruppi per provare a dare qualche indicazione su quali prospettive si aprono oggi per Caritas.

Il Convegno si è chiuso con la concelebrazione eucaristica presieduta da Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli, arcivescovo di Gorizia e Presidente di Caritas Italiana.

RICCIONE – Seminario di formazione sull’Europrogettazione a cura di Eurodesk Italy

Nei giorni 16-19 maggio 2022, a Riccione, i Referenti del Punto Locale Eurodesk di Sant’Agata di Militello – Caritas Diocesana di Patti, Gabriele Miceli e Andrea Sturniolo, hanno partecipato a un Seminario di formazione sull’Europrogettazione organizzato da Eurodesk Italy.

Un’intensa full immersion di quattro giorni, dove i Referenti dei diversi Punti Locali hanno avuto modo di conoscere e approcciare i vari step della progettazione.

Ad accogliere i partecipanti Ramon Magi e Fabrizio Todde, rispettivamente il Presidente e il Direttore di Eurodesk Italy.

Presente come formatore Luca Sparnacci, Project Manager – esperto in progettazione europea.

Progetto “Eurodesk Young Multiplier”: concluso il percorso di orientamento su Erasmus+ e Unione Europea per 77 studenti di 3 scuole del comprensorio nebroideo

Nei giorni 28, 29 aprile e 03 maggio 2022, si sono svolti i laboratori conclusivi del Progetto PCTO “Eurodesk Young Multiplier” nelle scuole coinvolte dal Punto Locale Eurodesk della Caritas Diocesana di Patti, ubicato a Sant’Agata di Militello, che ha visto la partecipazione di 77 studenti del territorio. In particolare, le scuole che hanno aderito al progetto sono state:

  • il Liceo “Vittorio Emanuele III” di Patti (laboratorio in presenza giorno 28 aprile 2022);
  • il Liceo “Sciascia-Fermi” di Sant’Agata di Militello (laboratorio in presenza giorno 29 aprile 2022);
  • l’I.T.E.T. “G. Tomasi di Lampedusa” di Sant’Agata di Militello (laboratorio in presenza giorno 03 maggio 2022).

I laboratori sono stati coordinati dal dott. Gabriele Miceli, referente Punto Locale Eurodesk, dalla dott.ssa Chiara Sturniolo, arteterapeuta e dal dott. Dario Botta, animatore di comunità del Progetto Policoro della Diocesi di Patti.

Il dott. Gabriele Miceli: “Le attività laboratoriali hanno fatto emergere non solo il grande interesse degli studenti sul tema delle opportunità di mobilità transnazionale, in particolare quella europea, ma anche tutta una serie di criticità relative all’accesso a suddette opportunità. Gli Enti Locali non sono ben attrezzati per fare orientamento e allora i ragazzi, quando si parla di Erasmus+ o Corpo Europeo di Solidarietà, sono costretti a cercare su internet ma la mole di informazioni è talmente grande e frammentaria che alla fine decidono di mollare. Come Punto Locale stiamo lavorando sul territorio, con attività di orientamento e di informazione, proprio per rendere più semplice, ai giovani, l’accesso a questi progetti. 

Alla conclusione dei laboratori gli studenti, oltre al riconoscimento del Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (P.C.T.O), hanno ricevuto un attestato di partecipazione.

Eurodesk è la struttura del programma comunitario Erasmus+ dedicata all’informazione, alla promozione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. L’Agenzia opera con il supporto della Commissione europea e dell’Agenzia Nazionale per i Giovani e ha come principale obiettivo quello di diffondere, nella maniera più ampia e nel modo più vantaggioso, l’informazione sui programmi europei rivolti ai giovani nonché promuovere la cooperazione tra enti e servizi per favorire l’accesso alle opportunità europee. In particolare, i settori d’interesse sono: mobilità internazionale, cultura, formazione formale e non formale, lavoro e volontariato.

Convegno Regionale di Caritas Sicilia intitolato: “La Sicilia sulle tre vie di Francesco” (Siracusa – 22 e 23 aprile 2022)

Nei giorni 22 e 23 aprile 2022, a Siracusa, si è svolto il Convegno Regionale di Caritas Sicilia intitolato: “La Sicilia sulle tre vie di Francesco”.

Il primo giorno, dopo i saluti iniziali di Giuseppe Paruzzo, Delegato Regionale Caritas e Direttore Caritas Caltanissetta, e dopo la riflessione Biblica di don Marco Tarascio, Direttore Caritas Siracusa, è intervenuto su “Le tre Vie di Papa Francescodon Marco Pagniello, Direttore di Caritas Italiana. Successivamente, sono state presentate, dai delegati, le buone prassi proposte da ogni Diocesi. A fine giornata la celebrazione della Santa Messa.

Il secondo giorno ha visto l’introduzione di S.E. Mons. Francesco Lomanto, Arcivescovo di Siracusa, e l’intervento di don Aurelio Russo, Rettore della Basilica Santuario Madonna delle Lacrime di Siracusa, su “Le tre Vie di Francesco: gli Ultimi, il Vangelo e la Creatività”. Subito dopo, si sono avviati i lavori di gruppo in modalità “World Cafè” e, a fine mattinata, si sono svolte le consuete restituzioni in plenaria.

Erano presenti come Delegati per la Diocesi di Patti: don Leonardo Maimone, Direttore della Caritas Diocesana di Patti, Andrea Sturniolo, Gabriele Miceli, Chiara Sturniolo, Maria La Rocca e Mary Di Giorgio.

2° Incontro regionale “Sicilia in Formazione” presso la Caritas Diocesana di Siracusa

Giorno 21 aprile 2022, a Siracusa, si è svolto il 2° incontro di formazione regionale rivolto ai formatori di tutte le Caritas Diocesane, che ha concluso il percorso a due tappe dal titolo: “I 5 sensi della formazione”.

Il gusto e il sesto senso: un cammino esperienziale profondo, diretto dalla formatrice Valentina Riso, indispensabile per i formatori che prestano il loro servizio nelle Caritas delle Diocesi siciliane.

Erano presenti per la Caritas Diocesana di Patti: Andrea Sturniolo, Gabriele Miceli e Chiara Sturniolo.

Il Vescovo Guglielmo incontra le famiglie ucraine accolte in Diocesi

Giorno 14 aprile 2022, presso il Santuario del Tindari, subito dopo la Messa Crismale, Mons. Guglielmo Giombanco, Vescovo di Patti, ha incontrato diverse famiglie ucraine presenti nel territorio diocesano.

Mons. Guglielmo Giombanco: “…Saluto con affetto i fratelli e sorelle provenienti dall’Ucraina e accolti in diocesi. Pensiamo a questi nostri fratelli che soffrono in quella terra segnata dal dolore, dall’ingiusta e dalla violenza e dove ancora scorre tanto sangue; una guerra che provoca solo morte e distruzione. Sosteniamo questi nostri fratelli con la solidarietà generosa e preghiamo perché presto cessi questa immane tragedia e trionfi la pace…”.

Al termine della Santa Messa, la Caritas Diocesana ha offerto alle famiglie ucraine le consuete colombe e, ai bambini presenti, le tradizionali uova di Pasqua. L’incontro è stato un modo per dimostrare tutta la vicinanza della comunità diocesana al popolo ucraino che ha sofferto e che tuttora soffre a causa del conflitto.

La Caritas Diocesana di Patti, in linea con le indicazioni operative di 𝐶𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎𝑠 𝐼𝑡𝑎𝑙𝑖𝑎𝑛𝑎 che coordina insieme a 𝐶𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎𝑠 𝐼𝑛𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎𝑡𝑖𝑜𝑛𝑎𝑙𝑖𝑠, a 𝐶𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎𝑠 𝐸𝑢𝑟𝑜𝑝𝑎, alle 𝐶𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎𝑠 𝑑𝑒𝑖 𝑃𝑎𝑒𝑠𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑓𝑖𝑛𝑎𝑛𝑡𝑖 (Polonia, Romania, Ungheria, Slovacchia e Moldavia) e alle 𝐶𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎𝑠 𝑈𝑐𝑟𝑎𝑖𝑛𝑎-𝑆𝑝𝑒𝑠 i diversi aiuti umanitari, ha avviato da tempo una raccolta fondi diocesana dal titolo “Insieme per l’Ucraina”.

Le donazioni raccolte fino a ora, che ammontano all’incirca a 18.000 euro, sono già state inviate a Caritas Italia per sostenere le attività delle Caritas che operano quotidianamente nei luoghi del conflitto in favore della popolazione ucraina che sta vivendo il dramma della guerra.

È possibile donare utilizzando le seguenti coordinate bancarie:

𝐈𝐁𝐀𝐍: 𝐈𝐓𝟗𝟖𝐄𝟎𝟐𝟎𝟎𝟖𝟖𝟐𝟑𝟖𝟎𝟎𝟎𝟎𝟑𝟎𝟎𝟏𝟏𝟐𝟐𝟒𝟏

𝐈𝐧𝐭𝐞𝐬𝐭𝐚𝐭𝐨 𝐚: 𝐂𝐚𝐫𝐢𝐭𝐚𝐬 𝐃𝐢𝐨𝐜𝐞𝐬𝐚𝐧𝐚 𝐝𝐢 𝐏𝐚𝐭𝐭𝐢 – 𝐂𝐚𝐮𝐬𝐚𝐥𝐞: “𝐄𝐦𝐞𝐫𝐠𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐔𝐜𝐫𝐚𝐢𝐧𝐚”

È possibile donare anche tramite la piattaforma “𝐆𝐨𝐅𝐮𝐧𝐝𝐌𝐞” cercando “𝐷𝑖𝑜𝑐𝑒𝑠𝑖 𝑃𝑎𝑡𝑡𝑖: 𝑟𝑎𝑐𝑐𝑜𝑙𝑡𝑎 𝑓𝑜𝑛𝑑𝑖 𝐸𝑚𝑒𝑟𝑔𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑈𝑐𝑟𝑎𝑖𝑛𝑎”.

RICCIONE – Seminario di Formazione Iniziale dei Referenti dei Punti Locali della rete nazionale italiana Eurodesk

Si è concluso, presso l’Hotel Corallo di Riccione, il Seminario di Formazione Iniziale dei Referenti dei Punti Locali della rete nazionale italiana Eurodesk. Una settimana intensa dedicata a:

  • Conoscenza dei programmi Erasmus+/Gioventù e Corpo europeo di solidarietà;
  • Funzionamento dell’UE e delle sue Istituzioni;
  • Orientamento
  • Tecniche di engagement ed empowerment;
  • Fare rete, confrontarsi ed attivare nuove sinergie tra i diversi Punti Locali Eurodesk d’Italia.

Presenti all’incontro: Ramon GM Magi, Fabrizio Todde e Susanna Diana di Eurodesk Italia, Paola Trifoni dell’Agenzia Nazionale Giovani e le formatrici Melania Montis e Silvia Sbarra.

Per il Punto Locale Eurodesk della Caritas Diocesana di Patti era presente Andrea Sturniolo.

Incontro regionale “Sicilia in Formazione” presso la Caritas Diocesana di Caltanissetta

Nei giorni 21 e 22 marzo 2022, nella sede della Caritas Diocesana di Caltanissetta, si è svolto un incontro di formazione regionale, rivolto ai formatori di tutte le Caritas Diocesane, dal titolo: “I 5 sensi della Formazione“.

Ascolto, sguardo, osservazione e interiorità: questi e tanti i temi trattati nella due giorni formativa in un percorso esperienziale intenso e stimolante, utile per tutti i formatori che prestano il loro servizio in Caritas. La seconda tappa di suddetto percorso è prevista, giorno 21 aprile, a Siracusa.

Hanno partecipato alla sessione come formatori Valentina Riso e Antonio La Monica. Era presente per la Caritas Diocesana di Patti Gabriele Miceli.

CARITAS DIOCESANA DI PATTI – Emergenza Ucraina: ecco come aiutare la popolazione in fuga dalla guerra

                           

La Caritas Diocesana di Patti ha avviato una raccolta fondi diocesana dal titolo “Insieme per l’Ucraina” per sostenere le azioni e le iniziative di quelle Caritas che operano quotidianamente nei luoghi del conflitto offrendo accoglienza e sostegno alle sorelle e ai fratelli ucraini che stanno vivendo il dramma della guerra.

 Si tratta di un’emergenza complessa che ci chiede di agire in spirito di corresponsabilità, di coordinamento e di comunione tra noi. E’ importante in questa fase non disperdere le azioni. Come Caritas Diocesana stiamo seguendo le indicazioni operative di Caritas Italiana che coordina insieme a Caritas Internationalis, a Caritas Europa, alle Caritas dei Paesi confinanti (Polonia, Romania, Ungheria, Slovacchia e Moldavia) e alle Caritas Ucraina-Spes i diversi aiuti umanitari sul territorio ucraino e al confine. Dossier di Caritas Italiana – Ucraina: la follia della guerra

Raccolta fondi diocesana

La guerra in Ucraina sta diffondendo dolore, morte e distruzione. Tante vittime innocenti perdono la loro vita a motivo della violenza e della mancanza di umanità. È una tragedia che non può lasciarci indifferenti; abbiamo il dovere di aiutare questi nostri fratelli in difficoltà con l’accoglienza e con ogni aiuto necessario per alleviare le loro sofferenze. La Caritas Diocesana propone alcune iniziative per chi avverte nel cuore il bisogno di aiutare questi nostri fratelli compiendo un gesto d’amore e di umanità. Sarà un bel gesto di carità e di solidarietà perché dove c’è un bisogno, per noi cristiani, scatta un dovere evangelico per riconoscerci tutti fratelli e non nemici. Confido nell’aiuto di tutti voi” (𝐌𝐨𝐧𝐬. 𝐆𝐮𝐠𝐥𝐢𝐞𝐥𝐦𝐨 𝐆𝐢𝐨𝐦𝐛𝐚𝐧𝐜𝐨 – 𝐕𝐞𝐬𝐜𝐨𝐯𝐨 𝐝𝐢 𝐏𝐚𝐭𝐭𝐢)

RACCOLTE BENI – Non sono al momento incoraggiate raccolte di beni materiali di alcun tipo (generi alimentari, medicinali ed indumenti); questo genere di donazioni potrebbero essere lasciate inutilizzate in quanto sono difficili da immagazzinare, trasportare e distribuire. Per il momento, le Caritas in Ucraina e le Caritas confinanti stanno fronteggiando l’emergenza con le disponibilità in loco e chiedono l’invio di fondi per offrire agli ucraini in fuga il tipo di aiuto di cui hanno realmente bisogno. L’acquisto di materiali sul posto è preferibile perché costituisce, altresì, un’opportunità per sostenere le economie locali indebolite dagli effetti della guerra.

ACCOGLIENZE – Per l’accoglienza nella nostra Diocesi, non potendo al momento conoscere  l’entità dello sforzo che ci verrà chiesto nelle prossime settimane, è importante in questa fase fare una ricognizione delle strutture disponibili (parrocchie, istituti religiosi, strutture di accoglienza, appartamenti privati) così da poter predisporre, in sinergia con le autorità competenti, un piano organico di accoglienza diffusa nell’intero territorio diocesano.

Invitiamo i Comuni, le Parrocchie, gli istituti scolastici, le aggregazioni laicali e le associazioni ad essere solidali e vicini a questi fratelli e sorelle. Invitiamo la nostra comunità diocesana a farci pervenire qualsiasi richiesta di aiuto da parte di cittadini ucraini presenti nel territorio”. (Don Leonardo Maimone – Direttore Caritas Diocesana Patti)

Per qualsiasi informazione potete contattare l’Ufficio di Segreteria della Caritas Diocesana di Patti: telefono 0941-21093, e-mail caritas.diocesipatti@gmail.com pec caritas.diocesipatti@pec.it.

È possibile donare utilizzando le seguenti coordinate:

IBAN: IT98E0200882380000300112241

Intestato a: Caritas Diocesana di Patti – Causale: “Emergenza Ucraina”

o tramite la piattaforma GoFundMe cercando “Diocesi Patti: raccolta fondi Emergenza Ucraina” o cliccando sul seguente link https://gofund.me/d8e8c77e.

Per segnalare la disponibilità di strutture è possibile usare il seguente google form https://forms.gle/BMA4WGRKscJ2e7AB8